I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 4 agosto 2014

Anarchia - La notte del giudizio ( 2014 )

Negli Stati Uniti di un futuro molto vicino il governo per mantenere il controllo dell'ordine pubblico ha istituito la " Notte dello sfogo", una notte in cui è legalizzato anche l'omicidio e  tutti possono fare ciò che vogliono, anche perpetrare i peggiori crimini perché comunque saranno impuniti.
C'è che si rinchiude in casa e chi, mascherato cerca di sfogare tutta la rabbia e la violenza represse dentro di sé. 
E chi organizza una specie di gioco.
Il film segue le vicende di un uomo che si vuole vendicare della morte di suo figlio, di due donne attaccate e rapite dalla loro casa e di una coppia rimasta in strada per l'avaria ( dolosa) della loro macchina.
E c'è anche chi si oppone all'ideologia dello sfogo ritendendolo una sorta di pulizia etnica da parte dei più ricchi ai danni dei più poveri.
Come fare un sequel di un film dal budget ridicolo ma che l'anno scorso ha incassato milioni e milioni di dollari ?
Semplicemente evitando il confronto.
Non facendo un sequel ma raccontare la stessa storia usando un'ambientazione diversa.
E questo lo sa bene James DeMonaco che aveva scritto e sceneggiato il precedente La notte del giudizio , un survival home invasion  costretto nell'unità di tempo e anche in quella di luogo.
E per non confrontarsi con il predecessore il regista ha pensato bene di evitare il più possibile la claustrofobia degli interni ( anche se c'è la parte in cui vengono rapite le ragazze che è un piccolo capolavoro per come è girata e montata dentro quattro mura asfissianti e pochissimi metri quadri) e spostando l'azione per le strade che si riempiono solo di gente che vuole "sfogarsi".
Quindi vialoni a perdita d'occhio, caseggiati e come tetto la notte stellata nascosta dalla fredda illuminazione al neon dei lampioni agli incroci.
Uno scenario che riporta direttamente e in maniera quasi ostentata agli action degli anni '80 e a quel piccolo grande capolavoro di fine anni '70 che è I guerrieri della notte di Walter Hill, storia del percorso ad ostacoli di un manipolo di giovani coraggiosi.
Qui il manipolo è un po' più variegato ma ci si richiama decisamente agli archetipi: c'è il tenebroso in cerca di vendetta , ci sono i cattivi senza volto che si divertono un mondo a sparare e ad ammazzare la gente, ci sono le vittime designate e c'è il deus ex machina, la figura che politicamente si ribella all'anarchia della Notte dello sfogo pensando, forse a ragione, che sia un'elegante metodologia per mettere in atto una pulizia etnica e sociale.
I ricchi che cercano di eliminare i poveri come in quel piccolo fantahorror dagli evidenti toni politici che era The Society di Brian Yuzna, un film talmente avanti che non fu capito.
DeMonaco si accosta con deferenza ai modelli citandoli con rispetto ma cerca di rimanre sempre ancorato all'ottica del B movie che di serie B ha solo il budget.
Quindi piombo a profusione, un look molto carpenteriano stile 1997 Fuga da New York , pochissime occasioni per declamare battute visto che il cast è fatto interamente di volti anonimi o quasi ( il più conosciuto è Frank Grillo uno che non ha una carriera così eccitante e che non è dotato di tutta questa capacità recitativa).
Qui si menano le mani, si fanno cantare le armi da fuoco e ciò basta e avanza.
In più ci mettiamo delle belle riprese di scenari urbani vuoti che assumono l'aria di un qualcosa devastato dall'apocalisse e il gioco è fatto.
Ecco 100 minuti di azione pura, di thrilling ,di suspense e di stravasi di sangue.
Se DeMonaco si fosse fermato qui sarebbe stato tutto perfetto: invece si avventura nel sottotesto politico in un finale in cui si parla un po' troppo e si tende a banalizzare i concetti.
Meno male che fino a pochi minuti dalla fine tutto questo è saggiamente evitato....

PERCHE' SI : Action a manetta, thrilling e suspense, scenari urbani apocalittici, non si riescono a staccare gli occhi dallo schermo.
PERCHE' NO: Sottotesto politico banale, il personaggio del capo della rivolta all'anarchia macchiettistico.

( VOTO : 7 / 10 ) 

The Purge: Anarchy (2014) on IMDb

20 commenti:

  1. La scimmia ormai ha raggiunto livelli preoccupanti per questo film ma niente, chissà quando riuscirò a vederlo visto che il multisala riapre a fine agosto e sicuramente non programmerà un recupero di Anarchia ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volere è potere...se ti guardi in giro credo che lo trovi...

      Elimina
  2. certo che ti accontenti di poco, caro bradipo :)
    per me è il classico survival-horrorino banale e con pessimi personaggi.
    il paragone con i guerrieri della notte poi è una bestemmia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro il mio ex Cannibale( :)))) a me piacciono i film di serie B e anche violenti...mi accontento di pochissimo ah ah ah !!

      Elimina
  3. Il primo "capitolo" mi è piaciuto parecchio...il secondo ho evitato di vederlo perchè mi aspettavo una pessima copia del precedente ma dato il voto abbastanza alto che hai dato, forse dovrei dargli una possibilità...lo segno! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se il primo ti è piaciuto questo ti garberà perchè è un remake dell'altro in versione open space...:)

      Elimina
  4. Il primo non mi era dispiaciuto.
    Appena torno dalle vacanze mi.cimento con questo, sperando di essere d'accordo con te contro Cannibal! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cazzarola ma state tutti in vacanza? comunque credo che mi darai ragione contro il cannibale...

      Elimina
  5. Perfettamente d'accordo Bradipo, lo sai.
    Solo una cosa, credo che l'unità di tempo non solo era nel primo, ma anche nel secondo e negli eventuali terzo, quarto, quinto etc.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è vero, hai ragione, volevo specificare che il primo era rinchiuso tra quattro mura mentre questo è una versione openspace....

      Elimina
  6. Il rimo non mi era dispiaciuto..su questo avevo parecchie perplessità ma ne sto leggendo bene un pò ovunque quindi mi sa che al ritorno dalle ferie scatterà il recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è un sequel è una specie di remake con spazi allargati...

      Elimina
  7. Devo ancora vedere il primo, ma mi ispirano poco o nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guardali, se ti piace la serie B cinematografica li potresti gradire...

      Elimina
  8. Anche io sono a digiuna di entrambi e ammetto di non aver avuto un'alta attrazione. Ero incuriosita all'uscita del primo ma temevo non valesse la visione. Che dire a questo punto?... provare per credere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che entrambi valgano la visione...

      Elimina
  9. Ho odiato il primo ma questo, non so perchè, mi attizza. Credo che lo vedrò, soprattutto considerando quello che hai scritto.

    RispondiElimina
  10. ben tornato! Il primi a me era piaciuto, certo se lo hai odiato non so se puoi prendere per buono quello che ho detto,...

    RispondiElimina
  11. Da vedere , ma da non aspettarsi niente de che. ..ma ho visto di peggio. L'idea sarebbe anche interessante.

    RispondiElimina
  12. Da vedere , ma da non aspettarsi niente de che. ..ma ho visto di peggio. L'idea sarebbe anche interessante.

    RispondiElimina