I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

sabato 16 agosto 2014

Bed time ( 2011 )


César è il portiere di uno stabile elegante ,abitato da bella gente. Il suo sguardo profondo e il sorriso sempre accennato sembrano una garanzia di cortesia e cordialità. 
Sembra avere una relazione con Clara perchè dopo un incipit onirico lo vediamo a letto assieme a lei ma subito ci viene insinuato il dubbio. Lui all'alba va via dall'appartamento di lei e  va nel seminterrato,si fa una doccia, si mette il camice grigio ed è pronto ad aprire le porte dello stabile per cominciare la settimana.
E subito il dubbio viene dissipato in favore di una certezza: César dorme assieme a Clara ma lei non lo sa. 

Delittuoso raccontare di più dello svolgimento di questo thriller dalle venature orrorifiche.
Balaguero si riappropria della regia in toto e ritorna alle atmosfere sulfuree del condominio della paura in Para entrar a vivir (2006) che faceva parte della serie delle Peliculas para no dormir.
Stavolta perà il male assoluto ha lo sguardo di César, unico artefice dello scompaginamento della vita di Clara e di piccoli dispettucci anche agli altri condomini tuttavia inconsapevoli del mostro che hanno nel seminterrato..
César ha una madre immobilizzata in un letto d'ospedale a cui racconta tutta la propria avversione per la felicità altrui.

E lui si erge ad angelo distruttore delle vite degli altri con sempre più alto sprezzo del pericolo.
Bed Time ( titolo internazionale che ancora non riesco a stabilire se idiota o geniale , al posto del ben più  calzante Mientras Duermes) è un ritratto a tutto tondo di un cattivo che non permette nessuna forma di empatia anche se povero ,solo e infelice nonostante i condomini non brillino per simpatia.
César è perfido fino al midollo e incapace del benché minimo ravvedimento. 
Un personaggio estremo , sgradevole che però non scivola mai nella caricatura. 
La pellicola di Balaguero non ha un attimo di sosta e ci regala l'inquietante ritratto di un maniaco preda dell'infelicità il cui unico sollievo è sapere che anche gli altri sono infelici.
Un ritratto in cui la psicopatologia di César è mostrata in crescendo fin quasi all'insostenibilità in un finale che fa dell'ambiguità la propria cifra dominante.

Luis Tosar con il suo carisma divora letteralmente la pellicola in cui echi di Hitchcock convivono assieme a repulsion(s) polanskiane.
Il suo sguardo gelido e penetrante è di quelli che non si dimenticano tanto facilmente , neanche dopo i titoli di coda.
Ben scolpita nella memoria la sequenza in cui César è nella casa di Clara all'arrivo di  lei e del suo fidanzato ( vera ansia a cubetti). 
Bed Time ha dalla sua anche una messa in scena di raffinata efficacia. 
Un mistero il mancato arrivo tempestivo sul mercato italiano, mandato al macero nella canicola estiva di un paio di anni fa , eppure era un film con del potenziale commerciale non indifferente anche per un popolo cinematografico bue come il nostro.
Forse abbiamo i distributori che ci meritiamo.

PERCHE' SI : Luis Tosar ti fa venire i brividi solo a guardarlo, progressione thriller inarrestabile
PERCHE' NO : riesce difficile credere che uno possa fare tutto quello che fa Cesar senza essere minimamente sospettato o scoperto...

( VOTO : 7 + / 10 )  


Sleep Tight (2011) on IMDb

18 commenti:

  1. Che filmone! Alla fine ero incavolata nera! Tosar bravissimo!

    RispondiElimina
  2. Lessi anche il libro di Alberto Marini, in alcuni tratti ancora più cattivo. Tosar è davvero eccezionale in questa pellicola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il libro non l'ho letto ma il film è veramente cattivo....

      Elimina
  3. Assolutamente d'accordo.
    Pensa che il recensore di FilmScoop gli diede 1 scatenando un putiferio in un forum.
    Recensione più stringatella eh, si vede che sei in vacanza.
    Fammi sapere se passi, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che hanno fatto bene ad incenerire il recensore..questo film è una figata....

      Elimina
  4. Film interessante, con un ottimo Tosàr ed un crescendo davvero tosto.

    RispondiElimina
  5. Davvero molto bello. Tensione palpabile dall'inizio alla fine e in alcune scene diventa esagerata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che è il classico film di cui si dice che incolla alla poltrona dal primo all'ultimo minuto...

      Elimina
  6. Bello, finale di una crudelta' incredibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ho detto prima il finale ti ammazza....

      Elimina
  7. A suo modo fu una vera sorpresa, all'epoca. Non gli avrei dato un soldo bucato, e invece...

    RispondiElimina
  8. a me piacque moltissimo. lo vidi al Torino Film Festival a un orario notturno impossibile, ma non ho mai guardato l'orologio (il titolo internazionale? mah, più idiota che geniale...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh forse è vero che il titolo internazionale è più idiota che geniale...

      Elimina
  9. bello, bello bello...mi è piaciuto un casino questo film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bello si, e da noi i nostri illuminati distributori lo hanno mandato al massacro...

      Elimina