I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 1 agosto 2014

Dom Hemingway ( 2013 )

Dom Hemingway, scassinatore provetto, si è fatto dodici anni di prigione per un reatuccio che ha commesso. Ma se li è fatti non rivelando i nomi dei suoi complici con la speranza che, una volta uscito dalla gattabuia, potesse in qualche modo riavere la sua parte di bottino.
Altro che recupero sociale: Dom non è pentito , anzi è un pazzo furioso che però ha qualche sprazzo di lucidità.
Il lungo inseguimento ai suoi soldi gli permette di intravedere prima e poi percepire sempre più chiaramente che cosa è veramente importante nella sua vita: recuperare gli affetti e il rapporto con sua figlia.
Però la soddisfazione di una piccola vendetta contro la battona rumena ( una volta tanto un mignottone che non ha il cuore di panna ) che gli ha rubato i soldi non ce la vogliamo togliere?
Quando vedi Dom Hemingway pensi a quanto sia evidente l'influenza di Quentin Tarantino su certo cinema: e lo vedi da subito perché per qualche interminabile minuto uno smisurato Jude Law, smisurato in tutti i sensi, anche quello della panza messa su per l'occasione, decanta le lodi del suo gingillo rendendo il film di fatto vietato ai minori e accogliendo l'ignaro spettatore in un antro nauseabondo.
Poi viene raccontata con divagazioni e notazioni a margine che valgono probabilmente più del racconto stesso,  una vicenda dai toni pulp, molto pulp, forse anche troppo pulp che richiama in più di un'occasione il cinema muscolare e incline al turpiloquio di Guy Ritchie ( che anche lui con Lock & Stock ha creato un nuovo modo di realizzare  free cinema inglese , strada su cui si sono inserite decine e decine di altri film).
Eppure il personaggio cardine di Dom Hemingway mi ha ricordato anche parecchio da vicino il protagonista di Bronson di Nicolas Winding Refn: stesso ego smisurato, stesso delirio, stesso disagio esistenziale nascosto sotto una scorza spessa così di pazzia e soprattutto un look cinematografico molto affine con queste scenografie teatraleggianti messe in evidenza a pie' sospinto e una fotografia ipersatura che crea un cromatismo color pastello molto acceso.
E se Bronson era poggiato totalmente sulle spalle di un enorme , irriconoscibile Tom Hardy, Dom Hemingway è nelle mani di Jude Law e della sua recitazione ai limiti del parossisimo.
E' talmente sopra le righe da assumere i toni della caricatura ma , francamente , è una caricatura che incute terrore perché Dom è la classica bomba innescata che può esplodere da un momento all'altro.
Stupisce che sia ad interpretarlo proprio un tipo come Jude Law, uno che nella sua carriera d'attore ha fatto del suo aplomb inglese la propria cifra stilistica.
Qui manda tutto al macero nel segno di un personaggio eccessivo in tutti i sensi, anche negli affetti che vuole recuperare a tutti i costi travolgendo,  a caro prezzo ma non gli importa , tutti gli ostacoli che si frappongono tra sé e una figlia che praticamente non ha mai conosciuto.
Nella seconda parte tutto è focalizzato sulla pulsione del padre alla ricerca della figlia, sempre con toni inclini al grottesco e forse il film perde un po' di efficacia perché si cominciano a notare le crepe nel monolite Dom e di riflesso anche nel film che vive, come il suo protagonista, degli eccessi di una
sceneggiatura ricca e articolata a cui spesso non si riesce a stare dietro, spettatore in primis , ma si ha l'impressione che anche il regista ( che è Richard Shepard che ha alle sue spalle una robusta gavetta televisiva e una manciata di film per il cinema) faccia un po' fatica, non abbia sufficienti idee, mezzi espressivi per stare dietro alla messe di avvenimenti messi in campo dalla vicenda raccontata dallo sceneggiatore ( sempre Richard Shepard).
L'ho visto doppiato in italiano e ho come l'impressione di essermi divertito la metà : un po' come mangiare un pacchetto di Fonzies e poi non leccarsi le dita.
Film come questo che sguazzano letteralmente nella coloritura del linguaggio andrebbero visti rigorosamente in lingua originale.

( VOTO : 6,5 / 10 ) 

Dom Hemingway (2013) on IMDb

13 commenti:

  1. vedo che la pensiamo più o meno allo stesso modo. comunque sì, va visto in lingua originale. e Jude Law è perfetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh lo so , ormai ho fatto, mi cospargo il capo di cenere per il mio errore...

      Elimina
  2. eresia: va visto solo in lingua originale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho sbagliato e me ne rammarico...

      Elimina
  3. Purtroppo l'ho perso al cinema...non vedo l'ora di vederlo! Adoro Jude Law!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bravissimo e qui molto differente dal solito...

      Elimina
  4. Il Cannibale c'ha ragione, in lingua originale ha tutto un altro fascino, tra giochi di parole e accenti assurdi! A me ha divertito come non mai, eccessivo e esagerato, ma un Dom così è davvero incontenibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece purtroppo l'ho visto in italiano e mi sono divertito la metà...

      Elimina
  5. come ho detto dalle mie parti, mi piace l'omo de panza, apparte questo il film - pur avendolo visto in italiano aaaaaaaah non linciatemi - l'ho trovato irresistibile. La scena che mi ha fatto sbellicare? Quella della cassaforte, ormai è cult per me hahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, avevo letto....come si dice ? omo de panza , omo de sostanza...

      Elimina
  6. Andrebbe visto assolutamente in originale, e secondo me sei stato troppo stretto: una delle sorprese più belle dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fatto che me lo sono visto in italiano credo che mi abbia fatto divertire la metà....

      Elimina
  7. ho il film da un po', ma forse è meglio che non l'abbia ancora visto, così almeno recupero la versione sottotitolata :)

    Jude Law ha il suo perchè anche con quei basettoni imbarazzanti :D

    RispondiElimina